Baud


Se dobbiamo inviare o ricevere una sequenza di bit con un Modem possiamo farlo nel seguente modo: immaginiamo che un messaggio sia composto non da segnali elettromagnetici ma da note musicali. Mettiamo ogni nota in corrispondenza con una tripla di bit in questo modo:
do  = 000
re  = 001
mi  = 010
fa  = 011
sol = 100
la  = 101
si  = 110
do* = 111
Diamo il significato dell'uguaglianza: il numero 2 non possiamo cambiarlo perche' rappresenta il numero degli stati comprensibili dal calcolatore: 1/0, acceso/spento, magnetizzato/ smagnetizzato, si/no, vero/falso. Il 3 lo scegliamo noi come esempio ma possiamo aumentarlo entro un certo limite* (vedi fine pag.). Abbiamo quindi 8 possibili combinazioni di triple che devono essere riprodotte dal modem trasmittente, generando 8 segnali differenti ottenibili per modulazione della portante (vedi Carrier) come fosse un elastico, in fase, in ampiezza oppure ancora in frequenza. Costruiamo il nostro messaggio: se mi invento una qualsiasi stringa di cifre binarie sicuramente posso definirla anche con le mie note avendo prestabilito una corrispondenza tra le mie triple e le note musicali.
 
ad es: ........100101010001101011000.....= 
     
            100/101/010/001/101/011/000  =              
            sol la  mi  re  la  fa  do  
che potrei ridefinire senza ambiguita' con la sequenza di lettere (suoni) 
             s   l   m   r   l   f   d =
                               slmrlfd  
Se fossi povero di suoni e cioe' se avessi solo il do (d = 1) e il re (r = 0) trasmetterei la seguente sequenza di suoni:

"drrdrdrdrrrddrdrddrrr" che sicuramente e' piu' ingombrante di "slmrlfd"

A questo punto abbiamo ridotto le dimensioni dell'informazione da trasferire con questa trasformazione cioe' siamo passati da "100101010001101011000" a "slmrlfd"
il rapporto delle lunghezze e' ora di 3:1 e non e' poco, ci siamo riusciti grazie al fatto che ogni segnale non rappresenta piu' 1 ma 3 bit.
Ora torniamo all'idea che al posto delle note ci sia un segnale elettromagnetico. Per Baud si indica quante volte in un secondo il modem e' in grado di cambiare il segnale da trasmettere che non e' necessariamente come abbiamo visto 0 o 1. Se leggo che un modem trasmette a 2400 baud non posso farmi un idea sulla velocita' in bit per secondo perche' non so a quanti bit corrisponde un baud. Comunque per conoscere la velocita' in bit al sec. (bps) del nostro modem partendo dai baud, e viceversa, si consiglia di leggere le spiegazioni proprio del termine modem.
Tornando al nostro esempio se il modem operasse a 2400 baud trasmetterebbe (2400 x 3 bit =) 7200 bps, poco meno di un Kbyte al sec. Se un baud corrispondesse a 6 bit otterremo 14400 bps, la velocita' minima dei modem attuali.
Se un baud corrispondesse a 9 bit e il modem operasse a 3200 baud al sec. otterremmo una velocita' di trasferimento o di ricezione di 28800 bps.
Quindi con il modem trasmettiamo questi impulsi che all'inizio di ogni comunicazione (fase di Handshake) avvertiamo come suoni per mezzo di un altoparlante interno.
Nel caso dei 2400 baud ove ciascun segnale rappresenta tre bit, potrei trasmettere o ricevere 6 MB di giochi in 2 MB di informazione da decodificare, mica male! Mi sarei inventato un protocollo da suggerire per esempio alla Microcom fautrice delle classi MNP, ma lasciamo perdere, vedremo che si puo' far di meglio anche comprimendo gli 0 e gli 1 ad una altro livello del modello OSI quindi al di fuori dei segnali e dei modem. Ci si potrebbe costruire un programma al Livello Applicazione che implementi la funzione f(1001010100011010110) = qualcosa di piu' ridotto. Per fare un esempio banale se in un file ho 100 ripetizioni della parola "pippo" potrei modificare il file da trasferire in questa forma: "pippo x 100" anziche' scrivere "pippo, pippo, .....,pippo" cento volte, eliminando quindi le ridondanze. Il ricevente poi dovrebbe essere in grado di ricostruire il messaggio originale. Cosi' otterrei una buona compressione con un rapporto di circa 100/1. Ma questo e' un esempio poco reale.

*(Il Diagramma a costellazione crescerebbe esponenzialmente al variare del numero di cifre consecutive che vogliamo trasmettere per baud; se la larghezza di banda di un canale e' limitata anche l'informazione che passa attraverso questo canale ha un limite massimo, si veda il Teorema di Shannon)




B, baud TASTIERA
Il motore di ricerca del Dizionario Informaticov1.03

Solo connessi ad Internet potete utilizzare DizSearch

Termini mancanti/suggerimenti ?

© Copyright 1997-2001 by Francesco Longo, flongo@dsi.unive.it

Homepage Dizionario Informatico